Cinque nuovi video di arrampicata

Dopo il grandissimo successo del precedente post sui cinque video di arrampicata da non perdere (lo trovi qui), torniamo a proporti altri cinque mediometraggi che ci hanno particolarmente ispirato. Per indimenticabili serate in furgone a guardare video "motivational" in vista delle performance del giorno successivo (nel caso tu sia già in vacanza o un van lifer), oppure per freschissime serate estive con bevande con ghiaccio e gambe sul divano, ecco qui elencati i nostri suggerimenti per piacevoli e divertenti serate. Rigorosamente in tema "climbing".

 

 

Swissway to Heaven - Petzl

 

 

Petzl – Swissway to Heaven

Più che un video Swissway to Heaven è un vero e proprio lungometraggio di quasi un’ora con tutti gli ingredienti che garantiscono roccia perfetta, divertimento e paesaggi da cartolina. Il protagonista potremmo dire che è Cedric Lachat, probabilmente il più forte arrampicatore svizzero di sempre, ma a farci innamorare sono le diverse sfaccettature dell’arrampicata sulle Big Wall in Svizzera. Ed a raccontarcele, soprattutto con immagini, voli ed avvicinamenti improbabili è senza dubbio Lachat, ma anche i diversi compagni di avventura che lo supportano nelle diverse vie così come ospiti d’onore che hanno fatto la storia dell’arrampicata qui e nel resto d’Europa.

 

 

Con la partecipazione straordinaria di Beat Kammerlander, Claude Remy, Stephan Siegrist il racconto di cinque iconiche vie della Svizzera si trasforma in un tuffo in quel periodo di storia dove gli appassionati della ricerca della difficoltà hanno sposato il loro focus dall’arrampicata in stile alpinistico all’arrampicata sportiva. Potremmo dedicare un post intero solo a questo film: non ti resta altro che metterti comodo con pop corn e bibite e goderti una serata tra Eiger, Rätikon ed altre storiche pareti alpine.

 

 

 

Black Diamond Presents: Foiled with Hazel Findlay

 

Che in Inghilterra il tempo sia pressochè instabile non è una novità e per questo non rappresenta di sicuro un deterrente per Hazel Findlay che decide – con quella caparbia tipica dei climber – di provare la via trad Muy Caliente, a 5.13c trad climb in Wales, caratterizzata da un un runout da brividi. D’altronde chi mai si scoraggerebbe davanti ad una presa bagnata sul passo chiave che potrebbe portarti ad un volo leggendario? Hazel prende spunto dall’expertise degli arrampicatori del Frankenjura, anche loro spesso alle prese con problemi di umidità, e cerca di sopperire alle prese bagnate con un sottile strato di carta d’alluminio da cucina. Una perfomance pazzesca da un’arrampicatrice totalmente next level.

 

 

The BMC – Operation Moffat

 

Per la maggior parte degli arrampicatori della nostra generazione, dici “Moffat” e pensi subito al mitico Jerry. In realtà il video che ci propone la BMC è dedicato alla storica Gwen Moffat, ora novantaduenne, precorritrice di una vita dedicata all’arrampicata, Il video è realizzato da Claire Carter che ripercorre insieme ai racconti Gwen alcune vie classiche dell’arrampicata in Inghilterra ed esplora uno stile di vita assolutamente all’avanguardia per i tempi. Un video con una visione ancora romantica dell’arrampicata, con tanta storia e spunti di riflessione.

 

 

Climb and Clean Trento Karpos

 

 

Karpos – Climb & Clean – The Journey 2022

 

Torna il progetto di Matteo della Bordella e Massimo Faletti, supportato anche da Karpos Outdoor, per sensibilizzare chiunque frequenti la montagna (giovani, meno giovani, arrampicatori ed alpinisti) ad un comportamento attivamente attento verso le nostre falesie e vallate. Dalla Lombardia, all’Abruzzo ed alla Campania, i due alpinisti in collaborazione con le associazioni locali, hanno organizzato delle giornate di arrampicata e di pulizia, portando via quantità impressionanti di rifiuti: plastica, copertoni, indifferenziato e tanto altro. Sul sito di Karpos puoi leggere un articolo molto dettagliato su questo progetto: ed intanto puoi goderti questo bellissimo video con tanta arrampicata, amicizia e rispetto per l’ambiente.

 

 

Arcteryx – Usha The first

 

Se nell’ultimo post che abbiamo scritto a proposito di cinque video da non perdere (qui il link) ti abbiamo proposto la storia di DMM, vogliamo oggi rilanciare il topic della “storia dei marchi” di arrampicata con questo video di Arcteryx. Non sempre ci ricordiamo che dietro ogni imbrago ed ogni zaino che utilizziamo in falesia ci sono delle persone che investono gran parte della loro vita nel curare ogni minimo dettaglio e nel creare qualcosa in cui credono e di cui noi possiamo totalmente fidarci. Usha è stata la prima dipendente di Arcteryx, una donna che ha messo la propria esperienza con le macchine da cucire a servizio di una piccola realtà locale, contribuendo a farla diventare l’azienda che ora tutti conosciamo. La sua dolcezza porterà anche noi indietro di qualche anno, facendoci magari ricordare qualche nonna o qualche zia con esperienze simili alla sua: una di quelle rare persone che – pur non scalando – ha contribuito all’evoluzione dei materiali ed alla crescita del nostro sport.