Come il COVID ha influito sulla miglior stagione per il boulder ad Albarracin: intervista a Miguel Navarro della Don Pepo Guesthouse

Albarracin è una di quelle mete invernali da sempre considerate top dai boulderisti italiani (e in realtà da tutto il mondo) che partivano durante le vacanze di Natale alla ricerca di roccia fantastica, temperature (con un po' di fortuna) gradevoli e passaggi dinamici e divertenti. Fino all'anno scorso i suoi settori più classici si "animavano" di boulderisti in viaggio che portavano, oltre ad una colorata allegria, anche un contributo non indifferente agli abitanti ed alle attività commerciali della cittadina.

 

 

Qualche giorno fa abbiamo letto un post su Instagram di Miguel Navarro, boulderista fortissimo e proprietario della Don Pepo Guesthouse che riportava come quest'anno fosse tutto diverso: meno turisti, settori come El Techos deserti ma anche una pineta che torna a rigenerarsi e la possibilità per i local di dedicarsi all'apertura di linee nuove. Ovviamente per i climber che tra poco, si spera, torneranno ad Albarracin, con una voglia pazzesca di riprovare i vecchi passaggi non risolti e testare subito quelli nuovi appena puliti.

 

 

Ciao Miguel! Siamo veramente felici di ospitarti nel nostro blog! Prima di tutto: come stai?

 

Ciao e grazie voi! Stiamo bene, soprattutto finchè possiamo arrampicare sulla roccia!!

 

 

Parliamo prima di te come boulderista di alto livello! Come ti sei mantenuto in forma durante il lockdown totale?

 

Grazie, io in realtà non mi considero un arrampicatore di alto livello; sono consapevole che la mia statura mi aiuta molto e credo proprio che, se fossi una decina di centimetri meno alto, dovrei dedicarmi ad altro, hahaha! In realtà durante il lockdown ho lavorato molto nella Guesthouse Don Pepo, l'ho migliorata e riverniciata e il risultato finale non è niente male! Nella fase 2 mi sono allenato un po' di più al trave e nella sala delle torture che abbiamo allestito nella Guesthouse per ricaricarmi un po'! Dopodichè il miglior allenamento per tornare in forma è lì fuori sulla roccia, nei progetti che avrò per tutta la vita e nelle bellissime passeggiate che ci offre il bosco.

 

 

Da alcuni anni gestisci anche la GuestHouse Don Pepo: come va quest'anno? Ci sono più arrampicatori spagnoli, tutto è più o meno come sempre o non c'è assolutamente nessuno?

 

Quest'anno il COVID si è fatto sentire nel nostro settore, ha impedito a molte persone di muoversi ed il risultato è stato evidente. Dopo il lockdown c'è stato abbastanza tursimo locale, ed è stato paradossalmente uno dei migliori settembre di sempre per tutte le attività; anche ottobre è andato abbastanza bene. In quei due mesi la pineta è stata piena di boulderisti super motivati e con tantissima voglia di arrampicare sulla roccia. 

 

Dopo, con il nuovo lockdown parziale e le varie restrizioni, il turismo locale si è bloccato e c'è stato un po' di movimento internazionale; la maggior parte sono arrampicatori in furgone, quindi il servizio che abbiamo potuto dare è stato quello di doccia e lavanderia, oppure venivano nei giorni di riposo per godersi un po' di wifi e riscaldamento! Oltre a questo la Guesthouse Don Pepo offre moltissimo per gli arrampicatori che vogliono rilassarsi un po' e recuperare dalle giornate impegnative tra i blocchi!

 

Qualcuno c'è sempre anche se l'abbassamento delle temperature ha portato a frequentare poco la pineta: restano i più motivati e quelli alla ricerca dell'aderenza estrema!

 

 

 

 

A proposito della pineta, può essere che una stagione così tranquilla porti anche dei lati positivi? Come sono ora i settori che di solito sono molto frequentati?

 

Devo dire che fa sempre molto strano vedere il settore Arrastradero deserto, magari di sabato... Anche se nei primi tempi in cui abitavo qui rappresentava abbastanza la normalità, adesso mi lascia qualcosa di strano. Il bosco però si sta proprio rigenerando; noi stessi locals ne abbiamo approfittato per andare a scalare in quei settori che di solito evitavamo per l'afflusso delle persone. Questo vuol dire che siamo tornati su vecchi progetti che avevamo abbandonato e che stiamo ampliando le aree classiche con nuove linee. Ogni cosa ha il suo lato positivo!

 

 

E oltre alle nuove linee state sviluppando nuovi settori?

 

Sì, all'interno della Comarca continuiamo a cercare linee, pulire blocchi ed ampliare la possibilità di arrampicare. La maggior parte delle nuove linee si trovano in settori poco frequentati, riuscendo ad andare così incontro acnhe agli arrampicatori che preferiscono cambiare ogni tanto. Ci sono anche molti angoli nascosti ancora in fase di valorizzazione; al Barranco del Cabrerizo c'è molta roccia che attende di essere pulita ed arrampicata e Tierra Media è praticamente infinita!

 

 

Ci sono delle linee nuove che ci consigli in particolar modo?

 

C'è di tutto ed ogni linea ti lascia qualcosa: facili o difficili ve le consiglio tutte. Provare tutte le linee, le prese e i diversi movimenti è un modo per migliorarsi efficace e gratuito! Ovviamente ci sono linee che ognuno di noi può trovare migliori di altre, come tantissimi passaggi del Corral del Santo dove potete trovare il traverso "Odry" su svasi e con un'ottima qualità della roccia oppure "Sostraco", un tetto con prese buone ed altezza perfetta al settore Mezquita. A La Fuente de la Cruz c'è moltissima varietà di passaggi: questo settore si trova più all'interno rispetto al Barranco del Cabrerizo ed è un settore perfetto per i mesi più freddi!

 

 

Ok, ci hai fatto venire veramente tanta voglia di tornare ad Albarracin! Quali sono i settori migliori durante i mesi più caldi in cui, si spera, potremo muoverci?

 

In quasi tutti i settori ci sono massi con lati a nord che si lasciano arrampicare con temperature più calde; fortunatamente questa roccia non è aggresiva e se l'unica cosa che vogliamo fare è arrampicare, possiamo farlo sempre!

 

Dal mio punto di vista i settori: Entre Aguas, La Senda, Mezquita o la parte bassa del sector Cabrerizo sono le migliori opzioni per riparlarsi dal calore, anche se abbiamo altre possibilità anche nel versante destro del Cañon, Valle de la Madera, Territorio discovery, gran parte dell'Arrastradero e del Techos e, cercando bene, anche nel settore Tierra Media.

 

 

Grazie Miguel! Dove possiamo seguirti per restare aggiornati?

 

Sulla pagina Facebook DON PEPO Guesthouse, Instagram @donpepo_guesthouse e sul sito web https://abnb.me/YkKvLdY3Ocb