Lavare la tenda da campeggio si può, anzi si deve fare, anche se questo procedimento non dovrebbe essere eseguito troppo spesso: una volta l’anno, prima di metterla via in vista dell’inverno, può essere un buon compromesso.



Quando la nostra vacanza volge al termine, è bene iniziare a pensare ad una cura della varia attrezzatura per tempo. Ad esempio proprio mentre smontiamo la tenda: diamo quindi una prima pulita al telo esterno con un panno leggermente umido, ed al telo interno se vediamo che è sporco, ed attendiamo che si asciughi completamente. Iniziamo a smontarla e diamo una passata sempre con un panno umido a tutta la paleria, specialmente quella che è stata a contatto con la terra. Nel caso di fango particolarmente ostinato, possiamo usare del detersivo neutro o acqua e sapone di marsiglia per riportare tutto all’antico splendore. Lasciamo asciugare e riponiamo negli appositi astucci.



Una volta arrivati a casa, passiamo alla pulizia più accurata della tenda. Se siamo dotati di un terrazzo o di un posto all’aria aperta dove possiamo stendere i teli della nostra tenda, allarghiamoci a dovere! Rimuoviamo con pazienza le macchie di sporco con uno spazzolino e poi con acqua e sapone neutro oppure con sistemi naturali come acqua e aceto. Diamo anche una pulita con uno spazzolino alle cerniere e poi risciacquiamo abbondantemente.



Per lavare una tenda da campeggio senza danni ai tessuti ed alle cerniere, è altamente consigliato non usare la lavatrice e tantomeno l’asciugatrice. Per un’asciugatura ottimale l’ideale sarebbe poter mettere la tenda stesa su uno stendino in modo che sia ben aerata, non direttamente esposta ai raggi solari ma comunque in un luogo ventilato ed ombreggiato.



L’asciugatura è forse la parte più importante del procedimento perché, se svolta nel modo corretto, ci assicura di non ritrovarci con tristi sorprese sotto forma di muffa alla prossima primavera. Nel caso questo dovesse succedere, dovremmo procedere ad una rimozione rapida delle macchie con acqua e sapone o acqua e aceto o ancora acqua e limone. Ti sconsigliamo di usare detersivi chimici come sgrassatori sia per il fatto che molto spesso lasciano un odore o una profumazione che poi potrebbe darti fastidio al prossimo utilizzo, sia perché potrebbero danneggiare i tessuti, soprattutto se impermeabili.