Riuscire ad assicurare nella maniera più corretta in arrampicata è sempre oggetto di molti video e temi di discussione, soprattutto per quanto riguarda una sicura dinamica, attenta e con una corda “non troppo tesa e non troppo abbondante”. Petzl è tra i marchi che puntano di più sulla corretta informazione delle procedure, sia pubblicando schede informative che video con i grandi climber del momento.



Dopo “il peggior assicuratore” ed “il miglior assicuratore del mondo”, e dopo un video con Chris Sharma su come ammortizzare al meglio la caduta del nostro compagno di falesia, arriva un interessante video con Jorg Verhoeven e Katahrina Saurwein, che questa volta ci parlano dell’importanza di dare corda al momento giusto.



Spesso quando si parla di sicura ci si concentra a ragione sul modo più efficace di ammortizzare una caduta o sulle tecncihe per evitare un eccesso di corda tra chi assicura e chi arrampica: c’è però un momento nella fase di arrampicata in cui chi sta scalando ha bisogno di avere a disposizione una buona dose di corda. E’ il momento in cui si passa la corda nel rinvio e richiede una soglia di attenzione altissima: vediamo cosa ci consigliano i due arrampicatori austriaci.



L’attenzione ci serve a determinare quale sarà il momento giusto in cui il nostro compagno avrà bisogno di corda, prevedendone i movimenti a seconda della via e della posizione degli spit; se lo abbiamo già visto provare la via, dobbiamo registrare esattamente le prese da cui dovrà rinviare, mentre se è al primo tentativo, possiamo parlare con lui dei possibili moschettonaggi durante una ricognizione della via che faremo insieme.



Il corretto dar corda non consiste nel darne il più possibile per recuperarne poi a bracciate, ma di dare il quantitativo giusto per un movimento che sia per l’arrampicatore molto fluido. Quindi possiamo fare due passi in avanti per dargli quel metro in più di corda se è molto vicino al rinvio e deve solo passarla dentro, oppure dar corda velocemente tramite il Gri-gri con la modalità che ci mostrano nel video solo per pochissimi secondi e tornare alla posizione normale.



Tutto questo salvaguardando il fatto che abbiamo appreso le corrette modalità di funzionamento del Gri-gri possibilmente con qualche Guida Alpina o istruttore, e che abbiamo maturato un’esperienza minima in falesia che ci dia la tranquillità di far sicura in un modo consapevole dei rischi che ogni errore o disattenzione può arrecare.



ATTENZIONE: Questo articolo è solo a scopo informativo e non pretende di spiegare esaustivamente il corretto funzionamento dei vari attrezzi citati, per cui si rimanda ai rispettivi manuali di utilizzo. I nostri consigli sono da prendere solo come parte integrante di un processo di formazione e di pratica che ogni arrampicatore deve affrontare con istruttori qualificati per arrivare a padroneggiare queste tecniche di assicurazione. Questo articolo non pretende di essere esaustivo, nè di sostituirsi ad una formazione specifica sull'assicurazione in arrampicata sportiva, per la quale è necessario verificare le proprie capacità con istruttori qualificati.

 

Fonte: Petzl.com

katha Saurwein, credits Jess Telley

Katharina Saurwein, credits Jess Telley






4 novembre 2019