E’ stato presentato al Trento Film Festival “The Dawn Wall”, il film che racconta quella che è l’impresa di arrampicata su big wall del secolo. Era il 2015 quando Tommy Caldwell e Kevin Jorgeson concludevano la prima salita in libera della faccia est dell’El Capitan nello Yosemite, ovvero la Dawn Wall. 

 

 

Questa salita, che fino ad allora era stata ritenuta impossibile, si sviluppa su mille metri di roccia tagliente ed avara di prese, che si traducono in trentadue tiri con difficoltà fino al 9a: la big wall più difficile del mondo. L’impresa, che ha coinvolto i due arrampicatori americani in sei anni di tentativi, ha rappresentato per Tommy Caldwell una svolta, un obiettivo a cui si è dedicato con determinazione per riscattarsi da vari momenti bui della sua vita, raccontati nei dettagli durante i cento minuti di film. 

 

 

La Dawn Wall è stata salita nel tentativo finale in diciannove giorni passati interamente in parete, tra dubbi e successi, motivazione reciproca e qualche scelta difficile. Il tutto filmato dai registi Josh Lowell e Peter Mortimer, quest’ultimo già autore di Valley Uprising, insieme ad altre innumerevoli telecamere che riprendevano la prima storica ascensione in diretta nazionale. 

 

 

Nel film viene dato anche spazio alla prima ripetizione della salita da parte di Adam Ondra un anno e mezzo dopo. Una ripetizione che porta con sé probabilmente un minore carico emotivo nella sua preparazione, ma che dal punto di vista sportivo stupisce per la velocità con cui è stata salita: sono bastati otto giorni ad Adam Ondra per salirla interamente in libera. 

 

 

“The Dawn Wall” è in uscita a settembre negli Stati Uniti e in Australia, ad ottobre in Austria e Germania; sul sito www.dawnwall-film.com saranno presto pubblicate anche le altre date europee.

 


the dawn wall film








29 agosto 2018