Questo weekend si è svolta in Cina la tappa di Coppa del Mondo di difficoltà, ed è proprio qui che il nostro Stefano Ghisolfi fa di nuovo una gara perfetta, come gli succede sempre da queste parti, passeggiando la semifinale e raggiungendo il top anche della via di finale. Quindi medaglia d’oro per lui, che nella classifica generale guadagna la seconda posizione, mentre il francese Romain Desgranges finisce in quinta posizione. Tra le donne vince, rivince e stravince tutto Janja Garnbret, che ormai è irraggiungibile nella classifica generale, e si aggiudica quindi la vittoria assoluta nonostante manchino ancora due tappe.



Gara anche nella categoria di velocità, dove gli italiani Ludovico Fossali e Leonardo Gontero chiudono in quinta e sesta posizione. Tra le donne Elisabetta Dalla Brida è tredicesima.



I boulderisti invece continuano a trovare condizioni perfette per chiudere i loro progetti: l’americano Chris Shulte ci presenta nuovi passaggi aperti da lui in Svizzera con uno dei suoi video poetici, quasi al limite del metafisico, dove arrampica da solo alla ricerca di linee futuristiche. Ed intanto anche i passaggi di casa nostra iniziano a vedere coraggiose ripetizioni: Gabriele Moroni sale Ziqqurat, un 8C aperto da Niccolò Ceria a Gaby, e anche Bad Fish, un durissimo 8A+ firmato Christian Core, vede finalmente una ripetizione a dieci anni dalla sua apertura. Alessandro Penna, giocando in casa, riesce a chiudere anche questo enigma della Valle Gesso.




stefano ghisolfi lead wujang cina


09 ottobre 2017