Le tipologie di bastoncini sono tante quante le attività per cui scegliamo di comprarli: dal trekking allo sci, passando per il trail running ed il nordic walking, si rivelano degli accessori essenziali per qualsiasi amante della vita outdoor. Vediamo quindi quali sono le loro principali caratteristiche e per quali attività risultano essere più indicate.



STRUTTURA


Fissi. Generalmente realizzati in carbonio, rappresentano la soluzione più leggera ed allo stesso resistente, ideale per chi vuole un prodotto altamente performante come ad esempio i trail runners che li scelgono anche per le situazioni di gara. I bastoncini fissi sono indicati anche il classico trekking estivo, ma hanno l’unico svantaggio che non possono essere ripiegati su se stessi per un trasporto più comodo.


Telescopici. Sono i bastoncini più utilizzati in assoluto, e possono avere vari sistemi di chiusura e quantità di sezioni, rendendoli adatti sia al trekking estivo che all’alpinismo e sci alpinismo: a differenza dei bastoncini pieghevoli, hanno anche la possibilità di avere la chiusura Lock&Go che può essere regolata comodamente anche con i guanti. A seconda del numero di sezioni da cui sono composti possono occupare più o meno spazio una volta chiusi e generalmente sono fatti in alluminio, resistente ed economico. Essendo facilmente regolabili si adattano bene alle esigenze di chi cambia spesso inclinazione del terreno e vuole quindi allungarli od accorciarli al bisogno, come gli escursionisti invernali ed estivi, gli alpinisti ed anche gli sciatori.


Pieghevoli. Possono avere solo due chiusure: a leva o a vite, e sono fatti con lo stesso principio dei bastoncini delle tende, ovvero con un cordino elastico che scorre tra le sezioni dei bastoncini. Hanno più sezioni rispetto ai bastoncini telescopici, diventando in questo modo il tipo di prodotto che occupa meno spazio in assoluto e quindi molto apprezzato ad esempio dagli alpinisti.



REGOLAZIONE


Lock and Go. Questa chiusura è presente solo nei bastoncini pieghevoli d è costituita da una leva esterna in alluminio che permette di regolarne la lunghezza anche con i guanti, quindi estremamente pratica per gli sport invernali.


A leva. Può essere presente sia nei bastoncini telescopici che pieghevoli, ed è costituita da una leva di alluminio che si apre comodamente quando si vuole allungare o chiudere il bastoncino. Ogni marchio brevetta la sua chiusura: alcuni esempi sono la Easylock di Climbing Technology o la Flicklock di Black Diamond e sono per questo molto diffusi tra chi trekking in generale.


A vite.  Troviamo anche questa chiusura nei bastoncini sia telescopici che pieghevoli, ed è tipicamente preferita da chi pratica nordic walking o trekking.



NUMERO SEZIONI


Due. Solamente i bastoncini pieghevoli hanno la possibilità di avere una chiusura sola, e quindi due sezioni, essendo in questo modo tra i bastoncini più resistenti e solidi in assoluto, adatti alle attività invernali ed al nordic walking.


Tre o quattro. Opzioni sia dei bastoncini telescopici che pieghevoli, aumentano ovviamente la comprimibilità del prodotto, che può essere trasportato con un ingombro minimo; i bastoncini a tre sezioni sono probabilmente i più diffusi in assoluto e, per lo stesso motivo, i più polivalenti.


Cinque. La divisione in cinque sezioni è possibile solo per i bastoncini pieghevoli, che ovviamente puoi infilare tranquillamente dentro lo zaino anche se perderanno qualche piccolo punto in solidità, scelti soprattutto da chi viaggia molto e vuole portare con sé questo tipo di attrezzatura con un ingombro minimo.



MATERIALE CANNA


Carbonio. Generalmente utilizzato nei bastoncini fissi è il materiale più leggero che possiamo scegliere per i bastoncini, ed allo stesso tempo un po’ più costoso. Le sue caratteristiche di flessibilità e resistenza, nonché di ammortizzazione delle vibrazioni, lo rendono adatto soprattutto a trail running e nordic walking.


Alluminio. È il materiale più largamente usato nei prodotti da montagna, estremamente resistente ed economico, ed è quindi indicato per qualsiasi attività dove guadagnare grammi in termini di materiale da trasportare non è una priorità assoluta.



RONDELLE


Possono essere estive od invernali, e ci aiutano a restare in equilibrio su terreni accidentati. Molti bastoncini vengono già corredati di rondelle, che possono essere due o quattro, per neve fresca e dura o per attività estive ed invernali, ed è quindi opportuno accertarsi della loro dotazione o meno al momento dell’acquisto.



MATERIALE IMPUGNATURA


Gomma. Garantisce un ottimo grip ed un comfort eccezionale, ed è adatta sia per le attività invernali grazie alle sue qualità di isolamento in presenza di basse temperature, sia per attività più impegnative come le gare di trail running (Fizan Trail Vertical).


Schiuma. Al contrario della gomma, questo materiale non si adatta bene in condizioni invernali per via della sua capacità di assorbire l’acqua; in compenso è estremamente comodo per il trekking estivo ed estremamente morbido.


Sughero. È una delle impugnature più apprezzate per la sua ergonomia che si adatta col tempo alla forma delle mani di chi lo utilizza; è il materiale migliore per evitare le irritazioni dovute alla sudorazione delle mani ed è uno dei più polivalenti per qualsiasi attività.



 

ATTENZIONE: Questo articolo è solo a scopo informativo e non pretende di spiegare esaustivamente il corretto funzionamento dei vari attrezzi citati, per cui si rimanda ai rispettivi manuali di utilizzo. I nostri consigli sono da prendere solo come parte integrante di un processo di formazione e di pratica che ogni arrampicatore deve affrontare con istruttori qualificati per arrivare a padroneggiare queste tecniche di assicurazione. Questo articolo non pretende di essere esaustivo, nè di sostituirsi ad una formazione specifica sull'assicurazione in arrampicata sportiva, per la quale è necessario verificare le proprie capacità con istruttori qualificati.

 



leki.it



1 marzo 2019