13 luglio 2017


Come far conoscere la storia dell’arrampicata ad uno sport che è sempre più giovane? Ci pensa la Mammut, con una serie, anzi tre, di video visibili gratuitamente online. A scalare sono gli atleti del Team “Pro” della Mammut, accompagnati in questo viaggio nel passato dai grandi arrampicatori che hanno salito i passaggi e le vie per la prima volta. Un incontro tra generazioni, più che un confronto, uno scambio di aneddoti e di storie tra gli arrampicatori di venti o trent’anni fa e quelli di oggi. Un bellissimo progetto anche dal punto di vista grafico.


La prima serie è dedicata alle vie in falesia: sei episodi che si aprono con la nostra Hyaena, 8b+ a Finale Ligure, ripetuta da Jakob Schubert e raccontata da Andrea Gallo. Un salto indietro nel tempo, un flashback su quello che era l’arrampicata quando le vie di quella difficoltà erano veramente poche.


La seconda serie è dedicata alle vie multipitch, e tra queste vediamo anche la salita di Fiesta de Los Biceps da parte di Anna Stohr, che non compare così spesso con corda e imbrago. E di quest’anno è l’ultima serie, molto attesa, sui boulder.


L’ultimo video, uscito solo una settimana fa, è Dreamtime, 8c a Cresciano, ripetuto da Jan Hojer, vincitore della Coppa del Mondo Boulder nel 2014. Fred Nicole, che non solo l’ha salito per primo, ma l’ha anche scoperto, racconta la storia, le ripetizioni, le “voci” che sono corse intorno a questo passaggio dalla linea “da sogno”.

 


Un video più bello dell’altro, storie divertenti, aneddoti e pantaloni anni ’80. Tutto questo è online sul sito www.mammut.ch.