Sundergrund (2) arrampicata zillertal24 agosto 2017



Falesia, boulder, vie lunghe e trad, ed ovviamente camminate e bagni alle terme: lo Zillertal è una valle che soddisfa la voglia di vacanze in montagna di ogni tipo. E si vede! Ad agosto, inoltrandosi nella valle dal paese di Mayrhofen, ciò che salta agli occhi è gente abbarbicata su rocce di ogni tipo. Certo una meta un po’ congestionata d’estate ma, se si ha la fortuna di poter andare a giugno o a settembre, si potrà anche trovare parcheggio nei settori più frequentati, senza per questo doversi mettere la sveglia al mattino.



ewige Jagdgrunde (settore falesia) arrampicata zillertalIl paesaggio ed il contesto valgono comunque la fama del posto: valli verdeggianti, un fiume che scorre pieno di vita e il costo della birra nettamente più basso di quello dell’acqua. Anche l’Eiskaffee spopola in tutti i bar e birrerie locali: il top per rinfrescarsi ed allo stesso tempo fare il pieno di caffeina per affrontare carichi le vie impegnative dello Ziller. La roccia è granito e le vie, distribuite in vari settori disseminati lungo la valle, possono essere corte e boulderose, oppure più lunghe e di continuità. Non mancano neanche i settori strapiombanti dove si può ripiegare in caso (molto probabile) di temporale pomeridiano.



Sundergrund (1) arrmapicata zillertalSono anche molti i settori di boulder; quelli con le linee più classiche sono Sundergrund e Zillergrund: i massi, in parte su un pianoro erboso, in parte all’ombra del bosco, hanno passaggi con cadute buone e difficoltà medie, ideali per la famiglia (posto che si abbia voglia di camminare circa un’oretta). Qui, a differenza di molti altri settori, il parcheggio è gratuito; in compenso, visto che siamo in Austria, si paga la strada che porta ai massi! Bisogna anche tenere presente che la strada è accessibile fino a quando ci sono parcheggi disponibili, dopodiché viene chiusa: ma classici come Hotel California (7B+) valgono sicuramente la sveglia! Non dimentichiamoci che i boulder si trovano su terreno privato, ottima “scusa” per fermarsi alla birreria “Au Inn” (ovvero dove si parcheggia la macchina) a bere una birra, mangiare per cena o dormire: un segno di riconoscenza che ci permette di continuare ad usufruire di questi posti.