In estate Briançon si trasforma da capitale degli sport invernali a capitale della verticalità: ogni anno viene ospitata al Parc de Sport una tappa di Coppa del Mondo Lead, il Tout à bloc va in scena tra i massi di Ailefroide e le falesie disseminate nella valle si riempiono di arrampicatori. Avevamo già parlato del boulder ad Ailefroide in un precedente articolo, ed ora vogliamo deliziarti con qualche falesia estiva dove puoi arrampicare godendo del clima secco e gradevole di questa zona.



Alla rinfrescante quota di 1800 metri si trova Tournoux con cinque settori ombreggiati che variano da vie corte e di resistenza a tiri più lunghi e di continuità. Alcuni settori hanno un accesso molto facile e sono molto apprezzate da famiglie con bambini, altri hanno un avvicinamento già più laborioso e presentano vie sostenute su muri strapiombanti. La roccia è sempre calcare a tratti grigio e ben lavorato, mentre in altri è meno compatto. Per accedere a questa falesia devi recarti a Puy St-Vincent e da qui verso Prey d’Amont.



Rue de Masque regala invece tanta felicità a chi si trova bene ad arrampicare sul conglomerato. Prese tonde, svasi e rompicapi caratterizzano le vie dal 6b all’8b con molta tecnica e un’arrampicata di continuità e super fisica, che all’inizio era destinata più che altro all’alto livello. Dei settori più nuovi rendono questa falesia accessibile a tutti, per quanto lo stile resti comunque molto esigente. L’avvicinamento al primo settore, ideale in estate, è intorno ai cinque minuti, mentre per gli altri è sufficiente proseguire con altri dieci minuti di camminata. La lunghezza delle vie si aggira intorno ai trenta metri su muri generalmente verticali o strapiombanti per le alte difficoltà. La base in piano la rende tutto sommato accessibile a famiglie con bambini alla ricerca di un po’ di ombra e fresco, sempre presenti nonostante la quota sia “solo” intorno ai 1000 metri. In questo caso ci troviamo intorno alla località di Guillestre.



Entraygues è la falesia d’eccellenza per le altissime difficoltà, dove puoi trovare condizioni discrete in estate, vie corte e strapiombanti, passaggi boulderosi e fisici. Lo stile di arrampicata è atletico sulle classiche prese “buone e distanti”: per questo è una falesia destinata a chi arrampicata straordinariamente bene intorno ai settimi gradi e ha nelle tasche le vie dall’8a in su. L’avvicinamento è possibile tramite un ponte che si trova più a valle rispetto al parcheggio e che richiede una camminata intorno ai quindici, venti minuti: negli anni sono stati fatti e tolti ponti e carrucole che permettevano di attraversare il fiume più a monte, ma ti consigliamo di seguire l’avvicinamento “standard” indicato anche sulle guide. La roccia è gneiss a tratti non compattissimo, ma il divertimento è assicurato.



I dintorni di Briançon si sono sviluppati nell’ottica della ricezione turistica e quindi offrono soluzioni per dormire per tutte le tasche ed esigenze. Dai campeggi alle gites ed agli hotel, non troverai difficoltà a soggiornare da queste parti; molto spesso nei pressi delle falesie troverai furgoni che stazionano nei parcheggi di riferimento. In linea di massima il pernottamento è consentito, a patto di rispettare le normali regole del buon senso e di lasciare pulito.

 


Hugo Parmentier, fonte: fanaticclimbing.com

Hugo Parmentier, fonte: fanaticclimbing.com



17 luglio 2019