Si è concluso il tour del BANFF, il festival del cinema di montagna canadese che riscuote sempre più successo. L’edizione italiana ha fatto il giro delle sale cinematografiche più interessanti con una selezione di dieci corto e mediometraggi dedicati alla natura selvaggia ed agli sport estremi, da quelli di montagna al freediving.



L’arrampicata è stata rappresentata in Italia da due proiezioni: “Above The Sea”, dedicato al deep water solo estremo, e “ Safety Third” sull’arrampicata trad e free solo. Il primo vede come protagonista Chris Sharma, che avevamo già visto fare numeri allucinanti a Mallorca, di nuovo all’opera sull’isola. Intuendo, provando e liberando una nuova linea poco generosa di prese, cerca di alzare il livello assoluto di difficoltà in questa specialità dell’arrampicata senza corda. Prodotto da Red Bull Media House e Big Up Production, con la regia di Josh Lovell, garantisce riprese mozzafiato.



“Safety third” racconta invece il ritorno all’arrampicata senza compromessi di Brad Gobright, un temerario esponente del free solo (arrampicata senza corda) e del trad precario, dopo un incidente. Immagini spettacolari e fiato sospeso per questo arrampicatore che l’anno scorso ha messo la sua firma tra le grandi ascensioni del The Nose, nello Yosemite, stabilendo il record di velocità che è poi stato recentemente spazzato via dalla coppia Honnold/ Caldwell.



Le dieci proiezioni hanno una durata di circa due ore e sono state proposte in lingua originale sottotitolata in italiano. Maggiori informazioni e i trailer sui film, nonché la prevendita dei biglietti 2019 sono disponibili online sul sito www.banff.it.

 

 

Chris Sharma Deep Water Solo

 

 

12 giugno 2018