Ogni corda d’arrampicata esce sul mercato con la propria tabellina delle specifiche tecniche, un po’ come succede per le tabelle nutrizionali degli alimenti; allo stesso modo, così come quando si fa la spesa al supermercato, c’è chi ama leggersi il valore proteico anche dei pistacchi, e chi li mette nel carrello scegliendo quelli dal packaging più accattivante. Come sempre nel mezzo c’è il consumatore “normale” che vorrebbe capirci qualcosa senza diventarci matto. Vediamo quindi come leggere in velocità i “valori nutrizionali” delle corde.



Il primo valore che solitamente troviamo è la forza di arresto della corda. Senza entrare nelle specifiche delle formule fisiche e dei test con cui viene calcolata, ci basta sapere che minore è il numero corrispondente a F e meno ci accorgeremo dell’impatto della caduta. Questo valore è sempre espresso in Kn, e mediamente si aggira intorno agli 8/9 kN. Mai sopra i 12 kN.



Il numero di cadute è spesso quello che attira subito l’attenzione dell’acquirente, perché è quello di comprensione più intuitiva. In questo caso più il numero è alto, più ci sentiremo tranquilli, sapendo che il minimo stabilito dalla UIAA è di cinque cadute.



La percentuale della calza è il rapporto tra anima e calza della corda. Più questo valore è alto, più la corda durerà nel tempo perché sarò più resistente all'abrasione quando entrerà in contatto con la roccia. Anche per quanto riguarda il peso al metro la lettura è immediata, ovvero più sarà basso questo valore, più la corda sarà leggera.



Infine ci sono gli allungamenti della corda; l’allungamento statico è quello che si verifica quando stiamo arrampicando con la corda dall’alto. Se chiediamo di bloccare, ma ci ritroviamo più in basso di un metro e mezzo, evidentemente la corda ha una percentuale di allungamento piuttosto alta (il limite è 10%). L’allungamento dinamico invece si verifica quando cadiamo da primi e, se è vero che più elasticità vuol dire più ammortizzazione, è anche vero che se cadiamo dal secondo rinvio il rischio di ritrovarci di fianco a chi ci sta assicurando è molto elevato.


Sei pronto a scegliere? Passa a vedere le nostre corde: troverai quella che fa per te!


 

ATTENZIONE: Questo articolo è solo a scopo informativo e non pretende di spiegare esaustivamente il corretto funzionamento dei vari attrezzi citati, per cui si rimanda ai rispettivi manuali di utilizzo.

 

 

 

 


corda arrampicata


14 novembre 2017