Ora, sicuramente tu sei un romantico amante della roccia ma non puoi farci nulla: l’arrampicata sta prendendo sempre più piede nelle palestre di tutto il mondo e, te ne devi fare una ragione, non tutti la pensano come te. Ci sono quelli che amano arrampicare per la pura fatica che si fa ad allenarsi o a fare boulder, e che lo apprezzano più della pesistica perché semplicemente è più divertente. E ci sta anche questo.



Si chiama fit climbing ed è un fenomeno nato nel nord dell’Europa, probabilmente dovuto al fatto che lì la community di arrampicatori ha veramente poche possibilità di scalare fuori, vuoi per le giornate corte o per la non vastissima quantità di falesie od aree boulder (dando per scontato che non tutti possano permettersi Flatanger come pannello di allenamento). In realtà il “mood” di approcciarsi all’arrampicata come un modo per passare due ore in palestra, sudare e incontrare gente c’è anche da noi, ma viene ancora nascosto come se arrampicare giusto per tenersi in forma fosse un peccato mortale: d’altronde non siamo mica qui per divertirci (e citiamo nuovamente e con gioia le visionarie vignette di Caio Comix)!



L’approccio al fit climbing non è da considerarsi meno serio rispetto a quello dell’arrampicata sportiva: ci sono comunque obiettivi da raggiungere ed allenamenti più o meno specifici, con esattamente gli stessi mezzi che hanno a disposizione gli arrampicatori. L’unica differenza è che lo scopo è riuscire nel boulder che si sta provando in palestra, e non sulla roccia.



D’altronde sempre più gente approccia le palestre per provare ad arrampicare anche perché, come il nuoto o certe discipline dello yoga, si tratta di uno sport completo che richiede anche una buona dose di concentrazione mentale: questo aiuta a staccare dallo stress quotidiano, e a sentirsi veramente bene dopo una lunga seduta di allenamento. In più è faticoso, aspetto che piace molto a chi vuole tenersi in forma, e viene praticato in compagnia ma non in squadra, fattore molto interessante dal punto di vista della socializzazione! Insomma, arrampicare è divertente, e c’è anche chi vuole praticarlo senza l’ambizione di disintegrare ogni via esistente al mondo con la sola potenza delle dita.


Palestra arrampicata indoor boulder


27 ottobre 2017