Arrampicare a Finale Ligure è uno dei piaceri della vita, come ascoltare la pioggia da sotto il piumone o la pizza con i pistacchi. Per chi non abita troppo lontano dalla Liguria ed ha la possibilità di raggiungerla in poche ore, sapere che di inverno si può andare a Finale a togliersi l’umidità dalle ossa, scalando su una roccia assolutamente top, è una grandissima garanzia. Lo sanno bene i tedeschi, che infatti l’hanno presa d’assalto per le loro vacanze di natale o di mezza stagione. E non hanno nessun torto. Al di là dell’esposizione incredibile della roccia, perfettamente a Sud nei settori più invernali, o nel bosco per i settori più primaverili o autunnali, le vie sono leggendarie e una più bella dell’altra.



Abita da queste parti anche Hyaena, il capolavoro di Andrea Gallo ancora famoso in tutto il mondo, ambito da qualsiasi arrampicatore che voglia avere un curriculum di tutto rispetto. Situato nel settore Alveare, uno dei più a Sud, è una summa delle caratteristiche di molte vie di Finale: corta, boulderosa, su buchi e piccole prese. In linea di massima il boulderista che vuole mettere l’imbrago, qui ha solo l’imbarazzo della scelta di belle vie da provare.



La roccia, lo ripetiamo, è da urlo. Calcare lavorato a gocce e buchi spesso molto “gripposa”, anche se a tratti il passaggio di milioni di essere umani dagli anni ’80 ad oggi fa sentire le sue conseguenze. La sua conformazione fa sì che ci siano grotte molto lavorate, con prese che permettono difficoltà abbordabili anche in tetto o forte strapiombo. Ma, su qualsiasi genere tu voglia scalare, non resterai deluso.



Alcuni campeggi aperti tutto l’anno rendono la vita facile anche a chi non ha il camper; ma un’opzione interessante per chi debba dormire qui sono anche gli agriturismi, uno su tutti la Ca’ d’Alice. Offrendo camere a prezzi contenuti e merende sproporzionate, è il classico ritrovo per gli arrampicatori che scendono ad esempio dal Bric Grigio o dalla Cattedrale, l’accesso per i quali passa proprio lì davanti.



Ovviamente gli innumerevoli lati positivi di Finale portano a far sì che alcuni settori spesso siano affollati e i parcheggi congestionati: un consiglio è indubbiamente quello di arrivare presto ai settori per riuscire a parcheggiare senza salti mortali. Gli avvicinamenti sono quasi sempre delle piacevoli camminate nel bosco adatte alle famiglie ma non a bambini molto piccoli.


Stai partendo per Finale? Clicca qui per consultare la sezione della nostra libreria con le guide sulla zona!



Stefano Carnati sale Hyaena, 8b+


finale ligure arrampicata sportiva alveare

Il settore Alveare a Finale Ligure


scimmiodromo finale ligure arrampicata sportiva

Il settore Scimmiodromo a Finale Ligure


matteo langhetti arrampicata sportiva finale

Il settore Parete Dimenticata a Finale Ligure


28 novembre 2017