L’arrampicata sportiva sta coinvolgendo sempre più persone ed anche il paraclimbing, ovvero l’arrampicata sportiva per persone con disabilità fisiche, sta diventando una risorsa sempre più utilizzata da educatori ed associazioni che seguono ragazzi con varie difficoltà. Lo sanno bene anche le persone del team di “Un senso al movimento”, un campeggio estivo dedicato a ragazzi tra i 13 e i 17 anni, ciechi o ipovedenti, che permette loro poter praticare attività sportive tra cui rafting, canoa, equitazione ed ovviamente arrampicata.



Il campeggio viene organizzato dal 2013 in provincia di Cuneo dalla Cooperativa sociale Onlus “Insieme a voi” di Busca ed ospita circa quindici ragazzi, che possono vivere le emozioni di un campeggio in tenda con i loro coetanei, seguiti da un numeroso team di educatori. Nell’arco della settimana che trascorreranno insieme (quest'anno dall'1 al 5 di agosto), una giornata sarà interamente dedicata all’arrampicata sportiva, tramite attività su roccia oppure su strutture artificiali all’aperto.



“Un senso al movimento” è uno dei primi progetti di questo tipo sul nostro territorio e, per far sì che possa crescere, gli organizzatori hanno deciso di aprire un “crowfdunding” per poter offrire un’esperienza con un valore aggiunto a questi ragazzi. La campagna aperta su “buona causa.org”, ha lo scopo di raccogliere fondi per poter gestire ed attivare al meglio le varie giornate sportive, pagare istruttori qualificati (le attività sono tutte gratuite per i ragazzi), noleggiare attrezzatura e garantire che ci possa essere un numero di educatori in rapporto di 1:1 con i ragazzi presenti.



La donazione è assolutamente libera e non ci sono quote minime; per saperne di più e contribuire: buonacausa.org/cause/campeggiociechi.



Paraclimbing arrampicata sportiva

Foto Pierluigi Zolli



5 maggio 2018