Le fettucce in arrampicata sono una parte indispensabile di un vero “kit completo” e possono svolgere varie funzioni sia in alpinismo che in arrampicata sportiva o tradizionale. Nel vasto mondo delle fettucce rientrano i classici anelli che puoi utilizzare per creare delle soste, le multi chain, le daisy chain, le longe e le fettucce da rinvio, ma nella grande famiglia dell’attrezzatura tessile troviamo anche altri accessori come staffe dissipatori di energia per kit da ferrata.



Qualsiasi sia il tipo di fettuccia di cui tu abbia bisogno, la prima scelta che dovrai fare sarà tra Nylon e Dyneema: il primo è il materiale più largamente e storicamente utilizzato in arrampicata, resistente e duraturo nel tempo, economico ma comunque affidabile. Il Dyneema rappresenta però per alcuni utilizzi specifici una marcia in più, come ad esempio nella pratica dell’alpinismo dove la maggiore staticità, leggerezza ed un minore assorbimento dell'acqua possono fare la differenza. Qui puoi leggere approfonditamente le differenze tra i due materiali.



Gli anelli di fettuccia, che possono essere piatti o tubolari, hanno un vastissimo utilizzo in qualsiasi attività verticale: puoi usarli per assicurarti in sosta, per creare longe, allungare rinvii od ancoraggi o per attrezzare una calata. Si tratta di anelli di fettuccia già cuciti, resistenti e particolarmente adatti a sollevare carichi statici: nello specifico gli anelli tubolari in Nylon sono i più indicati per attrezzare delle soste.



Le multi chain sono delle fettucce costituite da anelli collegati tra loro, ognuno dei quali è testato per sopportare singolarmente il carico riportato. Sono utilizzate soprattutto nell’alpinismo con l’obiettivo principale di attrezzare soste, collegarne due insieme per avere una maggiore sicurezza, per predisporre una calata o come longe.



Le daisy chain invece trovano il loro primario utilizzo nell’arrampicata in artificiale ed hanno una struttura formata da asole che percorrono la lunghezza di tutta la fettuccia. La resistenza delle daisy chain è valutata sulla fettuccia e non sulle asole: per questo la prassi richiede di moschettonare un'asola per volta per evitare la fuoriuscita del moschettone nel caso in cui ceda una cucitura. Oltre che per la progressione, puoi usarle anche per appendere del materiale mentre sei in sosta o per velocizzare le calate.



Le fettucce da rinvio servono a sostituire una fettuccia già usurata in un rinvio con dei moschettoni in ottimo stato, oppure a crearne dei nuovi su misura per le tue esigenze. Il Dyneema viene sempre scelto nel caso in cui si vogliano montare dei rinvii per uso alpinistico, mentre il Nylon è l'ideale per i rinvii da arrampicata sportiva dove la leggerezza non è una priorità. La larghezza e lo spessore della fettuccia possono trasformare dei rinvii molto leggeri ma difficili da maneggiare in rinvii estremamente robusti e comodi da afferrare: qui puoi leggere un nostro post dedicato solamente alle varie caratteristiche dei rinvii in base alle esigenze di ogni tipo di arrampicata.



Le longe fanno parte dell’attrezzatura indispensabile di ogni buon alpinista: sono utili per la discesa in corda doppia, per la risalita su corda e per l’autoassicurazione in sosta ma sono utilizzate anche da torrentisti, speleologi e nei lavori in quota o nei parchi avventura.



Fai un giro sulla nostra sezione dedicata alle fettucce delle migliori marche!



ATTENZIONE: Questo articolo è solo a scopo informativo e non pretende di spiegare esaustivamente il corretto funzionamento dei vari attrezzi citati, per cui si rimanda ai rispettivi manuali di utilizzo. I nostri consigli sono da prendere solo come parte integrante di un processo di formazione e di pratica che ogni arrampicatore deve affrontare con istruttori qualificati per arrivare a padroneggiare queste tecniche di assicurazione. Questo articolo non pretende di essere esaustivo, nè di sostituirsi ad una formazione specifica sull'assicurazione in arrampicata sportiva, per la quale è necessario verificare le proprie capacità con istruttori qualificati.


Metolius multi chain

 


21 giugno 2019