Quella di SCARPA è una storia molto particolare, composita ed interessante. Le scarpette per l'arrampicata di SCARPA infatti vengono da un mondo che ha poco a che fare con le scarpe, ma molto con l'arrampicata: quello di Guinness, la birra scura irlandese!



Lord Rupert Edward Cecil, secondo conte di Iveagh, era uno dei più intraprendenti discendenti di quell'Arthur che fondò la prima fabbrica nel 1759 a Dublino. Esperto agricoltore, si trasferì ad Asolo proprio attirato dalla sua passione per la terra: è lì, nel 1938, che Lord Guinness fonda, insieme ad altri addetti ai lavori, S.C.A.R.P.A., ossia la Società Calzaturieri Asolani Riuniti Pedemontana Anonima, che riunisce i migliori artigiani della pelle di tutta la zona.



La storia dell'azienda si intreccia negli anni cinquanta con quella della famiglia Parisotto, originaria di Asolo. Luigi, che era stato apprendista proprio da SCARPA negli anni quaranta, e che poi aveva fondato con i fratelli il calzaturificio San Giorgio, acquisisce nel 1957 il marchio. Da lì in avanti comincia una storia di continua innovazione per questa realtà che, nonostante la grande crescita, è rimasta italiana fino ad oggi: gran parte della produzione avviene infatti ancora nello stabilimento di Montebelluna, in provincia di Treviso.



Del team arrampicata di Scarpa fanno parte, tra gli altri, atleti di altissimo livello quali Daila Ojeda, Alex Puccio, Domen Skofic e Nina Caprez.


 

La climber statunitense Alex Puccio con le sue Instinct Vs

 

La spagnola Daila Ojeda