17 novembre 2016


Si è concluso domenica il Campionato del Mondo giovanile dell'arrampicata per l'edizione 2016. Giovani di tutto il mondo si sono sfidati nelle tre classiche gare lead, boulder e speed. Non sono mancati i grandi nomi, soprattutto tra le ragazze infatti le ultra favorite per le loro categorie si sono imposte senza lasciare grande spazio alle concorrenti. Parliamo ovviamente di Janja Garnbret e Ashima Shiraishi, entrambe oro sia nella gara di difficoltà che sui blocchi.



Tra gli italiani è grande la soddisfazione per l'oro conquistato da Giorgio Bendazzoli di Marostica nella gara lead della sua categoria. Altri bei risultati sono arrivati per Giulia Medici, Filip Schenk e Davide Marco Colombo.



Infine Pietro Biagini e Laura Rogora, oltre a ottimi risultati nelle gare, hanno guadagnato entrambi il terzo posto nella classifica combinata delle tre discipline: segno che sono atleti completi, e ottima cosa in vista delle Olimpiadi del 2020, in cui gli atleti dovranno appunto gareggiare in tutte le discipline.



Fra due settimane l'anno 2016 dell'arrampicata competitiva si concluderà a Kranj, con l'ultima gara della Coppa del Mondo Lead.